Il matrimonio gay

Foto by: gayfreedom.it

Foto by: gayfreedom.it

Oggi parliamo di un tema che mi sta particolarmente a cuore: i matrimoni gay. Putroppo ancora oggi in Italia non è possibile celebrare le nozze di una coppia gay, in quanto si sotiene che i principi della normativa sul diritto di famiglia non coincidano con quelli del matrimonio tra persone dello stesso sesso. In realtà però la Convenzione Europea sui Diritti dell’Uomo, la Carta di Nizza, e diverse Risoluzioni del Parlamento Europeo hanno sancito la necessità di evitare qualsiasi tipo di discriminazione sessuale nel diritto ad avere una famiglia. Ovviamente l’Italia non si è adattata a ciò, continuando a bandire le unioni gay. Facciamo tutti un bell’applauso al nostro Stato retrogado e alla Chiesa!

Fortunatamente questo tipo di unioni sono possibili in altri stati, come per esempio: Paesi Bassi, Spagna, Portogallo, Belgio, Canada, Sudafrica, Svezia, Norvegia, Islanda, Argentina, Messico, e in sei stati Usa. Per sostenere la spesa di trasferire tutti gli invitati al matrimonio all’estero fortunatamente esistono delle compagnie di viaggio che si occupano di organizzare il viaggio nel paese scelto. L’unico incoveniente è che una volta rientrati in Italia il matrimonio non ha alcun valore, ma almeno potete avere la soddisfazione di aver visto riconoscere la vostra unione, anche se in un paese diverso da quello di appartenenza.

Detto questo passiamo agli aspetti più frivoli! 🙂 Dal punto di vista dell’organizzazione del matrimonio non cambia nulla rispetto ai matrimoni eterosessuali (a parte il viaggio per celebrare le nozze ovviamente). L’unico aspetto su cui si può “giocare” di più sono gli abiti degli sposi. Per gli uomini ovviamente è sempre tutto più facile: il classico completo va sempre bene, ma per le donne? Due donne che si sposano possono scegliere diversi modi ti vestirsi per il loro grande giorno! C’è la possibilità che una delle due indossi il classico abito bianco, mentre l’altra il completo da uomo. E’ molto in voga il tailleur bianco o colorato, elegante e sobrio. Infine le due spose possono vestirsi allo stesso modo, per esempio entrambe possono indossare l’abito bianco o quello maschile. A voi la scelta! Come sempre noi donne abbiamo un numero maggiore di alternative! 🙂

Termino questo articolo con un augurio. Spero vivamente che l’Italia esca da questa mentalità bigotta, e riconosca alle persone dello stesso sesso di poter avere tutti i diritti delle coppie eterosessuali. L’unica cosa importante è l’amore, questo è il principio su cui si basa il matrimonio.

Annunci

4 thoughts on “Il matrimonio gay

  1. La sincerità dei sentimenti, l’Amore inteso come ricerca del bene della persona amata, come donazione di sé , il progetto di formare un nucleo famigliare in cui la coppia si annulli per riemergere appunto come famiglia, più forte, pur senza rinnegare le proprie aspirazioni e la propria dignità, dovrebbero essere se non gli unici, almeno i requisiti fondamentali per il matrimonio, ma credo che i tempi non siano ancora maturi, nella storia dell’umanità tante situazioni che oggi sembrano scontate e logiche sono frutto di secoli di lotte, sangue e duro lavoro. Pensa che nella civile Svizzea le donne hanno diritto di voto solo dalla metà degli anni settanta(!!!?!!!)
    Baci e speranza
    Grimilde

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...